Politiche editoriali

Ambito di interesse

Rivista annuale fondata nel 1998 da Réginald Grégoire e curata da Roberto Sernicola fino al 2011 che intende offrirsi come strumento di approfondimento e di diffusione della conoscenza del Medioevo in tutti i suoi aspetti, accogliendo analisi e dissertazioni che in chiave multidisciplinare affrontino tutte le questioni connesse alla ricerca storica.

 

Sezioni

Editoriale

Non controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Non controllato Peer Reviewed

Saggi

Controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Controllato Peer Reviewed

Recensioni

Controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Non controllato Peer Reviewed
 

Peer review

Una volta ricevuto l’articolo, il processo di peer review in doppio cieco si articola nelle seguenti fasi:

  1. La redazione comunica all’autore l’avvenuta ricezione.

  2. Gli editor compiono una prima valutazione dell’articolo secondo i seguenti criteri: pertinenza dell’argomento; qualità complessiva del contributo rispetto allo standard della rivista; rispetto delle norme editoriali. Possono rifiutare l’articolo comunicando la decisione all’autore.

  3. Superata con esito positivo la prima valutazione, l’articolo viene inviato a due revisori anonimi, esperti dell’argomento e/o dell’approccio metodologico. I revisori provvederanno alla valutazione che potrà avere i seguenti esiti: articolo accettato, articolo accettato con richiesta di piccole modifiche o integrazioni, articolo accettato con richiesta di modifiche/integrazioni sostanziali (la nuova versione dell’articolo sarà nuovamente sottoposta al processo di referaggio), articolo rifiutato.

  4. Sulla base delle valutazioni dei referee, entro 15 giorni gli editor comunicano all’autore la decisione finale in merito alla pubblicazione dell’articolo. In caso di richiesta di piccole modifiche, l’autore avrà a disposizione due settimane di tempo per modificare l’articolo secondo le richieste dei referee e fornire la versione definitiva.

  5. Pubblicazione

La redazione della rivista si riserva la possibilità di decidere in quale numero l’articolo che ha superato tutte le fasi del processo di peer review verrà pubblicato

 

Frequenza di pubblicazione

La rivista pubblica un fascicolo l’anno. Il numero esce il 30 novembre. La scadenza per le proposte è fissata al 30 giugno.

 

Policy sull'Open Access

La rivista segue una politica di "open access" per tutti i suoi contenuti nella convinzione che un accesso libero e gratuito alla ricerca garantisca un maggiore scambio di saperi.

Presentando un articolo alla rivista l'autore accetta implicitamente la sua pubblicazione in base alla licenza Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Questa licenza consente a chiunque il download, riutilizzo, ristampa, modifica, distribuzione e/o copia dei contributi. Le opere devono essere correttamente attribuite ai propri autori. Non sono necessarie ulteriori autorizzazioni da parte degli autori o della redazione della rivista, tuttavia si richiede gentilmente di informare la redazione di ogni riuso degli articoli.

Gli autori che pubblicano in questa rivista mantengono i propri diritti d'autore.

La rivista non richiede tariffe né per la proposta di articoli né per la loro revisione.

 

Codice etico della rivista

Il seguente codice etico è ispirato e si rifà al COPE Code of Conduct. Tutte le parti coinvolte nella pubblicazione - autori, direzione della rivista, revisori e redazione - sono consapevoli degli standard etici richiesti e li condividono.

Direzione

Il Direttore responsabile e i condirettori adottano tutte le misure ragionevoli per assicurare la qualità del materiale pubblicato in I quaderni del m.æ.s.

Il Direttore responsabile e i condirettori hanno il dovere di agire se sospettano cattiva condotta o se rileva abusi da parte degli autori. Questo dovere si estende ai documenti pubblicati e inediti.

Il Direttore responsabile e i condirettori dispongono di un sistema per la gestione dei propri conflitti di interesse, nonché quelli della redazione, autori, revisori e membri del comitato scientifico editoriale.

Il Direttore responsabile e i condirettori seguono le linee guida della rivista per la gestione di comunicazioni e a garanzia di imparzialità.

Il Direttore responsabile e i condirettori incoraggiano lo studio e la ricerca sul sistema di peer reviewing, la pubblicazione e la rivalutazione del processo di revisione della rivista alla luce di nuove evidenze.

Il Direttore responsabile e i condirettori garantiscono che errori, inesatte o dichiarazioni fuorvianti sono corrette prontamente e valutate con la debita attenzione.

Il Direttore responsabile e i condirettori pubblicheranno correzioni, chiarimenti, ritrattazioni e scuse in caso di necessità.

Il Direttore responsabile e i condirettori risponderanno prontamente alle denunce e assicura modalità eque per rimediare agli errori ed evitare denunce ulteriori. Reclami e ricorsi possono essere inviati al contatto principale della redazione.

Il Direttore responsabile e i condirettori garantiscono che i contenuti siano pubblicati tempestivamente, in base alle scadenze indicate.

Il Direttore responsabile e i condirettori adottano tutte le misure ragionevoli per garantire che il materiale pubblicato sia ben conservato e tutti gli articoli siano pubblicati in libero accesso e liberamente disponibili a chiunque.

Comitato di redazione

Il Comitato di redazione decide di accettare o rifiutare un articolo per la pubblicazione nella rivista sulla base della rilevanza del soggetto e originalità ed è orientato nel giudizio da revisori esterni (Peer Reviewers) adeguatamente qualificati.

Il Comitato di redazione e la Redazione assicurano l’adeguata selezione dei Peer Reviewers.

I membri del Comitato si sforzano di garantire che la peer review sia equa, imparziale e tempestiva.

La descrizione del processo di revisione tra pari è pubblica e i membri del Comitato di redazione sono pronti a giustificare qualsiasi deviazione importante dal processo descritto.

Il Comitato di redazione valuta i manoscritti per il loro contenuto intellettuale, senza distinzione di razza, sesso, orientamento sessuale, credo religioso, origine etnica, cittadinanza, o filosofia politica degli autori.

La decisione del Comitato di redazione si attiene alle disposizioni di legge in materia di diffamazione, violazione del copyright e plagio.

La rivista fornisce una guida per gli autori che garantisce l'accuratezza, la completezza e la chiarezza dei contributi, tra cui redazione tecnica e l'utilizzo di apposite linee guida e liste di controllo.

I membri del Comitato seguono un protocollo che garantisce che il materiale presentato alla rivista rimane riservato durante il processo di valutazione. La riservatezza delle informazioni individuali, di ricerca o professionali ottenute è garantita durante il processo di revisione.

Responsabilità degli autori

Gli autori sono responsabili per gli articoli che presentano: essi devono garantire l'originalità delle loro opere, di essere consapevoli delle conseguenze di una cattiva condotta.

Gli autori dovrebbero sempre riconoscere le proprie fonti e fornire le dettagliate citazioni pertinenti per tutte le pubblicazioni che hanno influenzato il loro lavoro.

Gli autori sono invitati a fornire i “dati grezzi” in relazione a un articolo per la revisione editoriale, e dovrebbero conservare tali dati per un periodo di tempo ragionevole al fine della pubblicazione, al fine di consentire l'accesso a tali dati.

Gli autori sono invitati a seguire le linee guida dell'autore pubblicate in rpd.unibo.it, garantendo in tal modo l'accuratezza, la completezza e la chiarezza degli articoli, inclusi gli standard tecnici ed editoriali.

Responsabilità dei revisori

Ai revisori sono fornite indicazioni su tutto ciò che riguarda il loro compito tra cui la necessità di gestire il materiale inviato in via riservata.

I revisori sono tenuti a comunicare eventuali conflitti di interesse potenziali prima di accettare di esaminare una proposta.

I revisori sono invitati a commentare l'originalità delle offerte e di essere attenti a eventuali pubblicazioni ridondanti e al plagio. Il revisore avverte la redazione in caso di questioni legate alla proprietà intellettuale e al plagio o per gestire potenziali violazioni delle leggi sulla proprietà intellettuale.

I revisori dovrebbero contribuire a individuare la rilevanza di pubblicazioni che non sono state citate dagli autori.

 

Tariffe di pubblicazione

La rivista non richiede tariffe né per la proposta di articoli né per la loro revisione.

 

Politiche di archiviazione

L'Università di Bologna ha un accordo di archiviazione con le Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e Roma nell'ambito del progetto nazionale Magazzini Digitali.
http://www.depositolegale.it/editori-aderenti/